Strade Pericolose

Buonasera amici! Oggi vorrei parlarvi di un argomento che a primo impatto potrà sembrarvi ripetitivo, stra-sentito in tv o in radio, eppure, che ci piaccia o no, sono sempre troppi i giovani che perdono la vita a causa di incidenti stradali. Anche in una piccola realtà come quella di un paesino vicino il mio, Conza della Campania, nel giro di pochi mesi sono già 3 i giovani che non ce l’hanno fatta.

Natalie Ciccone alle 19,30 di sabato 30 marzo stava andando a Lioni per comprare l’uovo di Pasqua al suo ragazzo, quando l’incidente ha avuto luogo . Nel pomeriggio, dopo l’autopsia, la salma della giovane è stata restituita alla famiglia. Il carro funebre è arrivato a Conza, in un paese annichilito dal dolore. Un silenzio irreale: come se ogni strada, ogni casa, ogni albero, ogni cosa avesse percepito la tragedia e la disperazione della famiglia Ciccone. Centinaia le persone che si sono recate a dare l’ultimo saluto a Natalie. La bara era scoperta, il suo viso ancora bello, i suoi cari hanno potuta vederla per l’ultima volta. Scene strazianti. Per tutta la notte familiari ed amici l’hanno vegliata, hanno pregato, come avevano fatto lungo le rive dell’Ofanto, nel buio, quando ancora non c’era il corpo….

E’ la notte del 15 maggio quando una Volkswagen Golf con a bordo 4 ragazzi è sbandata finendo contro un muretto che delimita la carreggiata. Due di loro hanno perso la vita, gli altri sono gravemente feriti.

Io credo che ognuno di noi abbia un destino già scritto…6 anni fa anche mia madre ha perso il controllo della macchina mentre percorreva quella strada, eppure lei non correva. Con questo, però, non voglio giustificare coloro che superano i limiti o addirittura si mettono alla guida in stato di ebrezza… (non è il caso dei ragazzi sopra citati!)

Vi chiedo solo di pensarci due volte prima di mettervi su una carreggiata, pensate a voi, alle vostre famiglie, agli amici, a chi vive per voi…spesso noi giovani non facciamo caso a queste cose, basta un attimo che può trasformarci la vita o distruggerla!

Mi unisco al dolore di tutta la comunità e di tutti coloro che hanno perso i propri figli/amici/parenti in un incidente stradale.

Addio angeli…

http://www.youtube.com/watch?v=i75e3QKSHaA

ImmagineImmagine

ECLISSI LUNARE, QUESTA SERA…

ImmagineComincia il conto alla rovescia per l’eclissi di Luna di questa sera. Sarà una eclissi parziale, ma a rendere particolare l’evento è il fatto che accade in un notte luminosa di Luna piena e si vedrà il bordo lunare che si oscurerà appena entrerà nel cono d’ombra che la Terra proietta nello spazio. Visibile da tutta Europa, Italia compresa, l’eclissi sarà simile a quella parziale del 31 dicembre 2009, come superficie lunare oscurata. L’eclissi è parziale perché il disco della Luna non entra completamente, ma solo parzialmente, nell’ombra della Terra. La Luna entrerà nel cono di penombra della Terra già alle 20,03 ma in quel momento l’oscuramento del lembo lunare sarà impercettibile, si farà più marcato quando la Luna entrerà nel cono d’ombra della Terra alle 21,54, il culmine del fenomeno sarà alle 22,07, poi la Luna uscirà prima dal cono d’ombra (alle 22,21) e quindi dal cono di penombra a mezzanotte e undici minuti.
Molte sono le iniziative organizzate in tutta Italia per osservare lo spettacolo celeste.

Chavez’s death good for Venezuela tourism?

Tourism plummeted during the Chavez years. With a wealth of natural attractions, that will change … but not too soon.

Immagine
Politicians and historians will argue ad infinitum about whether or not late Venezuelan President Hugo Chávez improved his country’s fortunes during a reign that spanned 14 years. But there’s one area that inarguably suffered: tourism.

Almost immediately upon Chávez’s assumption of power in 1999, arrivals to Venezuela dropped precipitously, reaching a nadir in 2003.

Tourism appears to have improved nominally since, but has yet to reach pre-Chávez levels, with less than half of arrivals represented by vacationers, the majority instead being comprised of business travelers, students and those visiting family, according to Trading Economics.

All of this might be understandable if the setting was some benighted dump.

But it’s confounding when discussing Venezuela, a destination that offers travelers some of the most poster-worthy natural features in the world.

Among the list of wonders is included several of the Andes mountains, more than 140,000 square miles of Amazonian rainforest, the world’s tallest waterfall (Angel Falls in Bolívar) and the longest coastline in the Caribbean.

The capital of Caracas has recently suffered from a poor reputation, but many travelers still love the city, which, at its best, is still a terrifically vibrant Latin American center pulsing with history, architecture, art, culture, music and outstanding food.

A combination of factors directly traceable to policies enacted under Chávez has put Venezuelan tourism behind that of neighbor to the west Colombia, which has been wracked by a guerilla war since the 1960s, yet is seeing arrivals to the country nearly four times that of Venezuela.

Before Venezuelan tourism can bounce back it will need to reverse nearly a decade and a half of damage. That will take time.

Venezuela’s insular monetary policies have made exchange rates cost prohibitive for most travelers to the country and devaluation of the bolívar fuerte in 2010 did little to correct what is regarded as a vastly overvalued currency.

Combine that with an inflation rate around 22 percent and onerous foreign exchange controls that make swapping out cash more like filing for a home loan, and tourists aren’t the only ones who have kept their distance.

“Multinational companies find it difficult to operate in Venezuela as they are not able to exchange local currency into more stable foreign currency like the U.S. dollar, so that they can send profits back to their home office,” says Marco Salazar, Latin America Research Analyst for market intelligence firm Euromonitor International.

The infrastructure afforded by that foreign investment is vital to tourism in a nation that has enough trouble providing goods for its own citizens, let alone international interlopers.

Need for cohesive tourism strategy

It also explains the absence in Venezuela of one pillar of any tourism strategy in particular: multi-national airlines.

Their presence in the country is limited, and likely to remain that way so long as devaluations — like the most recent one announced in February — threaten to wipe millions in value off companies’ books.

That adjustment cost Halliburton US$30 million — and they got off easy.

“Multinational companies are forced to swallow huge losses due to constant devaluations imposed by the government, as seen by Colgate-Palmolive’s announcement of a US$120 million loss as a result of the Venezuelan devaluation in 2013,” says Salazar.

And then there’s always the threat of expropriation — the seizing and nationalization of corporate assets that socked more than 1,100 companies from 2007 to 2012, according to the Venezuelan Confederation of Industries (Conindustria).

The resultant chill effect on investment has left the country woefully behind in the kinds of infrastructure, accommodations and other basic appointments needed to support a robust tourism industry.

Safety concerns

It also doesn’t help that Venezuela has one of the top five murder rates in the world, according to the U.S. Department of State.

Non-governmental organization Venezuelan Violence Observatory called 2011 the most “violent in Venezuela’s history,” with an increase in murders and kidnappings from the previous year of roughly 30 percent.

The United Nations Office on Drugs and Crime estimates that the homicide rate grew by 119 percent during the period between 1999 and 2010.

As alarming as these statistics are, the murder rate in Venezuela is still lower than that of Jamaica, which does brisk tourist business. But Jamaica welcomes outsiders, while Venezuela seems by its policies to be provoking them.

According to the State Department, since 2005 the Venezuelan government has prohibited the U.S. Transportation Security Agency from evaluating security standards of Venezuelan airports that provide direct service to the United States.

Cause for optimism?

All of these factors explain why Venezuelan tourism has stalled, but they also provide a road map to its resurrection — if the country wants it.

Despite what appears to be a reluctance to cater to foreigners, Venezuela recently began increasing efforts to attract travelers and saw a 25 percent spike in tourism in 2012 for its efforts, according to the country’s tourism minister, Alejandro Fleming.

Though fraught with obstacles, the incredible natural and cultural upside to tourism in Venezuela paints a promising portrait for travelers eager to explore a place with unspoiled beaches, snow-capped peaks and lush rainforests.

“The future after Chavez will be very difficult to predict,” says Salazar. “Venezuela is a destination that is rich in natural beauty with lots to offer visitors, but current conditions will continue to limit the tourism industry.”

Fonte: CNN

22 Aprile: Giornata della Terra

giorno della terra

Oggi si celebra, per la 43esima volta nel mondo, la Giornata della Terra. Nata il 22 aprile 1970 per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali della Terra, inaugurata dalle Nazioni Unite che, ogni anno, provano a coinvolgere il maggior numero di Paesi (al momento sono circa 175).

La celebrazione avviene esattamente un mese e due giorni dopo l’equinozio di primavera, il 22 aprile. Da semplice movimento universitario, negli anni, la Giornata si è trasformata in un avvenimento educativo ed informativo. I gruppi ecologisti lo utilizzano come occasione per valutare le problematiche del pianeta: l’inquinamento di aria, acqua e suolo, la distruzione degli ecosistemi, le migliaia di piante e specie animali che scompaiono, e l’esaurimento delle risorse non rinnovabili.

Inoltre, si insiste in soluzioni che permettano di eliminare gli effetti negativi delle attività dell’uomo. Queste soluzioni includono il riciclo dei materiali, la conservazione delle risorse naturali come il petrolio e i gas fossili, il divieto di utilizzare prodotti chimici dannosi, la cessazione della distruzione di habitat fondamentali come i boschi umidi e la protezione delle specie minacciate.

Da cinque anni, anche nel nostro Paese è nata l’associazione Earth Day Italia, organizzazione partner dell’Earth Day Network, nata con lo scopo di rafforzare e promuovere l’Earth Day e le sue finalità su tutto il territorio nazionale, favorendo lo sviluppo di progetti ed iniziative per il pianeta.

Scoperti due pianeti simili alla Terra che potrebbero ospitare la vita!

Carissimi followers, oggi parliamo di pianeti..a chi intriga questo affascinante e misterioso mondo? A me da impazzire! Adoro soprattutto le stelle, ma non dal punto scientifico, diciamo perché sono un’inguaribile romanticona 😛 ma parliamo di cose serie… 😉

Grazie ad osservazioni e studi effettuati da scienziati e astronomi, attraverso il noto telescopio Kepler (in onore del grande Astrofisco) di proprietà della NASA, sono stati individuati due pianeti che ruotano attorno alla stella Kepler-62, che sarebbero i piu’ simili – mai “conosciuti” – al nostro pianeta. La notizia è stata divulgata dalla rivista Science.

Immagine

”Secondo i dati che abbiamo a disposizione, relativi al raggio e al periodo orbitale, questi sono i pianeti più simili alla Terra mai scoperti”, affermano i responsabili dello studio. Tempi di orbitazione, stime delle temperature (non rigide o troppo calde) e altre caratteristiche che risultano favorevoli all’esistenza dell’acqua, fanno dei due pianeti ”ottimi candidati per ospitare la vita”, ha affermato l’astronomo Raffaele Gratton, dell’Osservatorio di Padova dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). Il problema, rileva Gratton, e’ che questi due ‘sosia’ della Terra sono lontanissimi, distano infatti fra 2.000 e 3.000 anni luce da noi: quindi non sara’ possibile studiarli. Tuttavia, la scoperta è estremamente importante, anche in ottica futura, perche’ ”mostra che i pianeti simili alla Terra esistono e che vale la pena andare avanti su questa strada, che sara’ completata quando ci saranno evidenze di vita”. Per avere la firma della vita su altri pianeti, spiega l’astronomo, bisogna cercare alcuni elementi chiave come l’ozono, più rilevabile dell’ossigeno, una vera e propria ”pistola fumante” che indica l’esistenza di un processo di fotosintesi a opera di piante o batteri.

Interpreting explained

Immagine

What it is interpreting? How is it different to translation? How does it work, where does it take place?

The job of the interpreter is to convey a message spoken in one language into another. At many political summits and bilateral meetings interpreters make it possible for leaders to understand each other, even if not to agree. In our globalised times many international seminars and conferences also make use of conference interpretation.

The profession of conference interpreter is relatively new. There are essentially two ways of doing it: simultaneously or consecutively. 

Interpretation, a spoken activity, is often confused with its sister activity of written translation.

Some languages refer to both activities with the same word, while in others the terms used by interpreters themselves are not always the same as those used by everyone else.

Interpreting is not translating

Careers

Most interpreters are freelance. Some are employees of international institutions or large companies. Every interpreting career is different. 

Freelance interpreters

Freelance conference interpreters are self-employed. They are contracted to work on a short-term basis on specific tasks for various clients in succession. Since they often work for a wide variety of organisations, they cover many different subjects and work for many different kinds of people.

Freelance interpreters enjoy freedom and mobility, depending on their language combination. Theoretically, they can organise their work as they like, accepting or rejecting the jobs they are offered. Since they work for a wide variety of organisations, they cover many different subjects and work for many different kinds of people.
An interpreter’s reputation depends on the quality of their work. Clients and other interpreters will call on an interpreter’s services on the basis of this reputation, built up over time.
Different situations

When working for an organisation covered by an AIIC agreement, a freelance is usually treated as a member of that organisation’s staff (temporary agent or international official) for the duration of their contract. The interpreter in this situation will not need to negotiate the terms of the contract.
When working outside the scope of such an agreement, interpreters negotiate mutually acceptable terms for their work (fees, expenses, travel, the interpreting team, working conditions, working time, etc.), while respecting AIIC rules.
Freelances need to take care of their own pension and social security requirements and national tax obligations. AIIC can however provide very useful advice in these areas.
A few examples

A freelance interpreter based in Geneva with English, Spanish and Russian might work mainly for organisations within the United Nations family, and therefore at quite lengthy conferences (sometimes lasting several weeks) that are scheduled well in advance and often take place outside Geneva.
A freelance interpreter based in Brussels with 3 or 4 European Union languages might work mainly for the European Union institutions for short periods (under one week), often in Brussels.
A freelance interpreter based in Paris with only English and French might work for some major international organisations (Council of Europe, OECD, UNESCO) and the private market (business, medical, technical or diplomatic meetings).
A freelance based in Seoul with Korean and English will work mainly for private clients (corporations, broadcast media, associations, NGOs, etc.) and/or government bodies.

Meet the practitioners

Interpreting is a speaking profession, so let’s hear the experts speak and tell us what they do.

About AIIC

AIIC is the only global association of conference interpreters. Since the very early days of modern conference interpreting, AIIC has promoted high standards of quality and ethics in the profession and represented the interests of its practitioners.

Who are we?

AIIC is an open and representative professional organisation of staff and freelance conference interpreters, with over 3,000 members in 100 different countries.

 

What do we do?

AIIC is active in all areas affecting conference interpreting and works for the benefit of all conference interpreters and for the profession as a whole.

AIIC sets professional and ethical standards for the profession and promotes the working conditions that high quality interpreting requires. The Association also contributes its expertise to ensure that future generations of interpreters will be trained to today’s high standards.

Joining AIIC

Membership of AIIC is through a peer-review system based on sponsorship. See our admission criteria and download an application pack. The candidate’s guide gives practical advice.

Joining AIIC

Joining AIIC means accepting its values and defending its principles, wherever you are in the world. It also means you benefit from advice and support, and it signals your commitment to the profession.

AIIC interpreters have a shared vision of their job and of the conditions under which it should be done. They work together to spread good practice and to raise the profile of the profession.

Duties of membership

In applying for membership, you undertake to comply with the AIIC Code of Professional Ethics and the Professional Standards. Professional confidentiality is the cornerstone of interpreting ethics. It goes hand in hand with professionalism (the defence of quality) and collegiality (teamwork).

Advantages of membership

AIIC membership is direct and individual. When you are a member:

  • Your professional competence is recognised. You have access to a global network of colleagues.
  • Your name and contact details are in the online AIIC database and the printed directory, which makes it easier for people looking for interpreters to find you. You remain a member even if you move to another country.
  • You get priority and discounts for training courses.
  • You can access the resources in the members-only section of the AIIC web site, including the database, the newsletter and promotional material.
  • You receive the AIIC directory of members for free.
  • You can use a professional email address (your name@aiic.net) with an 8GB mailbox.
  • You can ask for support from the AIIC solidarity fund if you need it.

How you can help

AIIC depends entirely on the active voluntary involvement of all of its members. As a member you are therefore encouraged to get involved in AIIC activities: training, negotiation of agreements, defending working conditions, research, admission of members, technical equipment, new members, statistics, public relations, meetings of the association’s administrative bodies, etc. These are the projects that help to shape the future of the profession.

Fonte: http://www.AIIC.com

 

Festival del cinema spagnolo a Roma dal 9 al 15 maggio!!!

 

Buonasera followers!! 🙂 vi segnalo questo importantissimo evento al quale non potete assolutamente mancare! Io ed altre mie colleghe universitarie della SSML Gregorio VII stiamo effettuando un tirocinio di traduzione di sottotitolaggio dei film che verranno presentati a questo festival, vi assicuro che ne vale la pena, se vi trovate a Roma dal 9 al 15 maggio vi aspettiamo! Saranno presenti numerosi ospiti internazionali! 🙂 

Immagine

Il festival del cinema spagnolo, fondato e diretto da Iris Martín-Peralta e Federico Sartori, celebra la sua sesta edizione romana dal 9 al 15 maggio, presentando come di consueto al Cinema Farnese Persol di Campo de’ Fiori le ultime novità del cinema iberico e latinoamericano di qualità, in versione originale con sottotitoli in italiano.

Evento Speciale di apertura del festival, il lungometraggio “Blancanieves” di Pablo Berger, vincitore di 10 Premi Goya (gli Oscar spagnoli) tra cui Miglior Film, Miglior Sceneggiatura e Miglior attrice protagonista. Il film, muto e in bianco e nero, è un’autentica chicca del cinema d’autore, che narra la favola di Biancaneve inserendola nel mondo delle corridas de toros nella Siviglia degli anni ‘20.

La Nueva Ola, sezione principale del festival, presenterà una selezione delle produzioni più recenti dal cinema main-stream a quello più indipendente, con titoli come A puerta fría”, premio della Critica al Festival di Málaga (ospite il regista Xavi Puebla); “De tu ventana a la mía, opera prima, Premio Speciale della Giuria a Shangai;  “El mundo es nuestro”, esilarante commedia anti-crisi Premio del Pubblico al Festival di Málaga.

A proposito de Nuevas Olas, al cinema del Sud America è dedicata un’intera sezione dal titolo “La Nueva Ola Latinoamericana – l’immagine assente”, che come dice il sottotitolo ha l’obiettivo di recuperare film fondamentali del cinema argentino, colombiano, ecuadoriano e messicano che in Italia sono ancora sconosciuti al grande pubblico.

La sezione  “vintage” di questa sesta edizione è titolata “Locos 80″, trittico di grandi commedie spagnole girate negli anni Ottanta, decennio caratterizzato in tutto e per tutto dalla ricerca sperimentale, che a livello cinematografico vide emergere personalità di spicco come Pedro Almodóvar. in programma oltre al cult movie Laberinto_de_pasiones (1982), “Opera Prima” (1980) del futuro premio Oscar Fernando Trueba, e La vida alegre (1987) di Fernando Colomo, grandiosa sintesi della “movida” madrilena.

L’omaggio al cinema classico di quest’anno è dedicato al 50° anniversario del film “El verdugo (tit.ita. La ballata del boia), di Luis García Berlanga, Premio FIPRESCI a Venezia 1963, con un Nino Manfredi superlativo nel ruolo di protagonista. La sceneggiatura e la fotografia sono oltretutto firmate da altri due grandi del cinema italiano, rispettivamente Ennio Flaiano e Tonino Delli Colli. Questa coproduzione italo-spagnola, è tutt’oggi considerato uno dei massimi esempi della commedia “nera” di tutti i tempi e una satira pungente su temi universali come la pena di morte.

Info: www.cinemaspagna.org

Biglietteria:

  • 6 intero / 4 ridotto studenti, over 60 e il primo spettacolo di ogni fascia giornaliera (eccetto film d’apertura)
  • Vedi 4 film, il 5° è gratis!
 
 

Krokodil: la droga che ti divora!

Video

Arriva-krokodil-la-nuova-droga-killer_h_partb

C’era una simpatica canzoncina che diceva: “Il coccodrillo come fa, non c’è nessuno che lo sa…”, rallegrava i bambini, probabilmente tuttora lo fa, ma dietro il nome di questo simpatico animaletto oggi si nasconde una vera e propria arma mortale che ha sconvolto la Russia, in particolare la città di Tolyatti, dove il tasso di disoccupazione e la mancanza di speranze per il futuro fanno si che molte persone si rifugino in droghe e alcool.

Se prima la droga che spaventava solo a sentirla nominare era l’eroina, oggi con la crisi che c’è hanno ben pensato di creare qualcosa che fosse alla portata di tutti, i cui elementi fossero facilmente reperibili e il miscuglio facile da preparare in casa (non è la ricetta di un dolce, purtroppo!).

krokodil-5

La Krokodill, così chiamata per gli effetti devastanti che ha sul corpo: se quando si inietta anziché nelle vene finisce nei muscoli, la carne brucia e si incancrenisce lasciando scoperti interi pezzi di osso. Il coccodrillo in questi casi ti divora!

4,w=650,c=0,view=.bild krokodil-falecimento_thumb2

Questa droga distrugge prima tutti gli organi interni, poi il cervello. Solo l’1 per cento dei dipendenti dal krokodil riesce a smettere, restando in ogni caso con gravi danni al cervello e alle capacità motorie.

Ormai costituisce un problema talmente grave che il governo russo ha dovuto prenderne atto e fare qualcosa. Ha approvato una legge che impone l’obbligo di ricetta medica per i farmaci a base di codeina, e chiede la chiusura dei siti web che spiegano come si fa il krokodil. Ma le piccole farmacie dei paesi continuano a vendere (illegalmente) i farmaci con codeina senza ricetta.

Spesso i tessuti della pelle si rovinano a tal punto che diventa necessario amputare gli arti.

Mi rivolgo a tutti, ma soprattutto ai giovani che come me si affacciano alla vita: è questa la fine che dobbiamo fare? NOi possiamo scegliere di non dimenticare queste immagini, queste storie e avere la forza di costruire un futuro migliore privo di droghe di coloro che si arricchiscono mentre le persone più fragili perdono la vita!

La disoccupazione, le speranze che sembrano non esserci per un domani non devono diventare il pretesto per peggiorare il nostro mondo.

Ci sono davvero tantissime cose per cui vale la pena vivere…non buttatevi via così.

Le cellule staminali: una speranza per il futuro

Immagine

Le cellule staminali embrionali possono aiutare moltissime persone che sono state colpite da malattie debilitanti ai tessuti ma il loro utilizzo richiede ancora uno sviluppo tecnologico ancora rallentato da questioni etiche.

Queste cellule quando si dividono danno vita a due cellule figlie le quali avranno funzioni differenti: la prima rimarrà una cellula staminale, la seconda invece darà origine ad altre cellule che formeranno i tessuti. Negli ultimi anni è stato scoperto che il sangue del nostro cordone ombelicale contiene le stesse cellule staminali del nostro midollo osseo; dopo la nascita del bambino si può prendere il cordone ormai tagliato e prelevarne il sangue al suo interno, per poi inviarlo al centro ematologico dove lo analizzeranno e conserveranno in contenitori a meno 190°C. Grazie a questa banca del cordone ombelicale, in futuro, forse non ci sarà più bisogno dei donatori di midollo osseo per tutte quelle malattie del sangue come la leucemia.

Immagine

Alcuni scienziati americani hanno scoperto che nel midollo dei topi si trova una cellula staminale che è in grado di trasformarsi in altri tipi di cellule come quelle dei polmoni e dell’intestino. Questo significa che le cellule staminali sono anche in grado di rigenerare i tessuti danneggiati dalle malattie evitando, quindi, di utilizzare i trattamenti anticancro (poco specifici e dannosi per le parti sane dell’organismo). Ci sono state altre scoperte, come quella del 2007, dove un equipe di ricercatori ha scoperto come fonte delle cellule staminali embrionali il liquido amniotico.

Modalità di conservazione delle staminali

La conservazione delle staminali del cordone ombelicale avviene in due modi:

  • La conservazione autologa
    avviene nelle banche private. L’unità di sangue, prelevata dal cordone ombelicale, viene conservata per il bambino o per i famigliari compatibili in caso di malattia. L’’unità di sangue, prima di essere ibernata, è soggetta a dei test che ne calcolano il volume e il numero di globuli bianchi contenuti al suo interno, che non devono essere inferiori a 800 milioni. La conservazione autologa essendo vietata, in certi paesi come l’Italia, avviene inbanche private all’estero che richiedendo un pagamento via internet, forniscono ai richiedenti un kit per prelevare il sangue del cordone del bambino, per poi inviarlo all’estero.
  • La conservazione eterologa
    invece avviene nelle banche pubbliche. L’unità di sangue prelevata dal cordone in questo caso è conservata o utilizzata per i bambini affetti da gravi malattie patologiche. Infatti i genitori possono scegliere di donare questo sangue alle banche pubbliche che, in caso di compatibilità, potranno donarlo alle persone che ne avranno bisogno (donazione eterologa).

La differenza fra queste due modalità di conservazione consiste nel fatto che in quella autologa la conservazione dura molti più anni (circa 30) fornendo quindi alla persona che le ha donate molto più tempo fra la sua vita e il periodo di conservazione (vita utile). Su queste due conservazioni è in atto un dibattito perché le persone che difendono l’autologa affermano che quella eterologa è una donazione forzata dalla legge, invece secondo coloro che difendono l’eterologa, l’autologa è una conservazione di spreco perché solo una minima parte di quelli che la conservano si ammalano. Il vantaggio della conservazione autologa consiste nella totale assenza di rigetto negli autotrapianti e il rischio azzerato nel contrarre malattie, a causa di donatori sconosciuti che invece ci sono in quelle eterologhe.

Immagine

Problemi etici introdotti dalla ricerca sulle staminali

In Italia e nel mondo è in corso un dibattito sull’utilizzo delle cellule staminali; le parti in causa sono i ricercatori (favorevoli) e le autorità religiose (contrarie).

I favorevoli:

I favorevoli in Italia sono gli scienziati che si dividono in due parti: i primi affermano che la sperimentazione sulle cellule staminali adulte potrebbe dare risultati simili a quelle embrionalimentre altri scienziati ritengono che per essere sicuri bisognerebbe fare ancora dei test sulleembrionali.

Obama in America ha attualmente sbloccato i fondi federali per le organizzazioni non governative che si occupano di aborto e staminali, precedentemente bloccati da Bush. Gli scienziati italiani, dopo l’intervento di Obama, hanno intensificato le richieste al governo per i fondi alla ricerca sulle cellule staminali per non rimanere indietro rispetto gli altri paesi su questo argomento. In Italia, a causa della legge n. 40 del 2004, non è permesso distruggere embrioni a fini di ricerca ma la legge non norma le importazioni dall’estero. Infatti, in Italia, vi sono una decina di gruppi di ricerca impegnati nello studio di queste cellule che ricevono le embrionali tramite collaborazioni estere, come quello dell’università di Milano. In Gran Bretagna, invece è perfettamente legale ma gli embrioni che vengono utilizzati non possono superare i quattordici giorni di età, cioè quando sono ancora un insieme di cellule non più grandi di 0,2cm. Resta il fatto che se queste ricerche andranno per il meglio si potranno curare moltissime malattie come il morbo di Alzheimer e i tumori.

I contrari:

I problemi etici sono nati dalla affermazione della Chiesa “è un soggetto umano con una ben definita identità” e come tale “ha diritto alla sua propria vita” riferito all’embrione che viene distrutto a causa dell’asportazione della massa cellulare interna alla blastociste. Come affermato da Mons. Elio Sgreccia, bisogna dire di no alle staminali embrionali e si alle staminali adulte perché, si va dimostrando che le cellule embrionali possono provocare dei teratomi (tumori embrionali). Questo succede perché la cellula embrionale è in grado di trasformarsi in altri tessuti essendo più instabile, quindi il Mons. spera che i soldi di queste ricerche vadano per altri scopi come le ricerche sulle cellule embrionali adulte.

Nelle fila dei contrari, si trovano anche alcuni biologi, come Oreste Arrigoni, che affermano come si è visto in varie ricerche, il danno che possono provocare le cellule staminali embrionali sugli organi del nostro organismo. Vi sono inoltre anche altri Stati che, come l’Italia e la Germania, hanno vietato all’interno del loro territorio la creazione delle cellule staminali embrionali.

La legislazione in Italia sulle cellule staminali

In Italia lo studio delle cellule staminali è finanziato dal Governo che fornisce i finanziamenti solo ai ricercatori che rispettano le leggi imposte dal Governo. Per finanziare questo studio, è stato firmato un documento che impegna il Governo a stanziare i fondi per le ricerche che non implicano la distruzione di embrioni, valorizzando la ricerca sulle cellule staminali adulte, comprese le cordonali.

In Italia, quindi, non è possibile prelevare le cellule staminali embrionali, poiché comporterebbe la distruzione del feto. Però, sempre in Italia, è possibile per i centri di ricerca comprare gli embrioni all’estero e utilizzarli qui in Italia, perché la legge non vieta di comprarli dall’estero.

Negli altri paesi, la legislazione è diversa, come per la Germania dove l’estrazione di cellule staminali da embrione umano è vietata, a differenza della Gran Bretagna dove è perfettamente legale, ma le leggi sono molto rigide perché non è possibile utilizzare embrioni fecondati dopo le due settimane. Anche per le cellule staminali del cordone ombelicale, la legge italiana, pone dei divieti. La legge, infatti, vieta la creazione di banche private per la conservazione, ad uso privato, delle staminali del cordone su tutto il territorio italiano. Sono invece ammesse le banche pubbliche, dove si può donare il cordone del proprio figlio, per usi futuri in ambito delle malattie del sangue, per persone affette da queste malattie.

A causa di queste leggi, in Italia, i ricercatori temono che negli altri paesi, dove la ricerca può procedere senza troppi problemi, lo sviluppo nel campo dellecellule staminali sia tale, da lasciare i ricercatori italiani indietro con i tempi rispetto a quelli dei paesi esteri. Effettivamente, in Italia, non sono mai stati elargiti molti fondi dal Governo sia per le cellule staminali sia per le altre ricerche. È anche vero che molte persone, sull’utilizzo di queste cellule, sono ancora molto scettiche, a causa di alcuni risultati della ricerca che ha scoperto alcune cellule staminali adulte in grado di modificarsi e creare dei tumori. Per i ricercatori, aver scoperto tutto questo è già un passo avanti nel loro utilizzo sugli esseri umani, perché all’estero sono state utilizzate le cellule staminali su molte malattie come il Parkinson dove sono stati ottenuti degli ottimi risultati. Per ottenere queste cellule staminali sono stati fatti molti esperimenti che hanno permesso agli scienziati di ottenerle da feti abortiti, fecondazione in vitro, e tessuti di vario genere come il sangue.

Le strutture che effettuano la conservazione all’estero

All’estero, le strutture che effettuano la conservazione delle cellule staminali dipendono dalla legislazione dello stato in cui risiedono. Infatti, vi sono banche private e banche pubbliche, a seconda della legge del paese, come in Francia, dove le banche private sono vietate ma se si vuole, si può sempre far conservare le cellule staminali del proprio figlio in banche private all’estero, come in Brasile. Altre banche private si possono trovare anche negli Stati Uniti, nella Repubblica Popolare Cinese e in Svizzera.

In Svizzera si trova una banca privata a Lugano, che con i suoi standard di sicurezza forniti 365 giorni l’anno e vari pagamenti per la conservazione delle cellule, diventa un ottimo luogo dove conservare le cellule dei propri figli, soprattutto per le famiglie italiane molto vicine al confine.

Negli Stati Uniti, sono state create banche per la conservazione della polpa dentale, contenente molte cellule staminali estratte dai denti da latte dei bambini in età compresa tra i 6 e i 12 anni. Alcuni scienziati hanno dimostrato che con il trapianto di queste cellule, sulle gengive degli animali, c’è stata una ricrescita dei nervi, delle ossa e dei denti. Queste cellule, come quelle del cordone, possono essere utilizzate negli esperimenti molto facilmente poichè non creano problemi etici ma non hanno un largo impiego come quelle embrionali.

In Cina, si sta costruendo la più grande banca di cellule staminali; il complesso misurerà 21500 metri quadrati e avrà il compito di conservare e trasformare le cellule staminali. Le cellule staminali che verranno utilizzate in questo complesso varieranno a seconda dello studio: infatti ci saranno moltissimi tipi di cellule staminali come quelle della membrana amniotica e del midollo. Inizialmente l’impianto verrà utilizzato come banca privata ma in futuro con l’aumento delle cellule sarà impiegata come banca pubblica per le strutture mediche. Per la sicurezza della conservazione delle cellule, l’impianto utilizzerà le norme delle associazioni delle banche americane del sangue che nel testare il sangue offrono il più alto livello di protezione.

In Spagna inizialmente era vietato conservare le cellule staminali all’interno della nazione, per questo il sangue dei cordoni era mandato all’estero in aziende private, come quelle della Gran Bretagna, degli USA e dalla Germania. Negli ultimi tempi però si sono formate molte aziende, che in veste di banche private del cordone, hanno superato di gran lunga il numero delle altre banche private negli altri paesi riuscendo ad avere i cordoni di circa 30.000 bambini.

Se non è questa la fine del mondo!

DIstrazione

Questo post è dedicato a tutti quelli che la notte del 12/12/2012 hanno brindato e dato sfogo alla loro ilarità in locali, per strada, insomma ovunque, fermamente convinti di aver “fottuto” le previsioni Maya ed essere scampati alla fatidica FINE DEL MONDO.

Ebbene si…credo lo abbiate già capito che non mi conterrò, non userò parole dolci e sarò anche maleducata nello scrivere oggi! Perchè questi sono argomenti duri e di fronte a tali eventi non esistono censure. Ma entriamo nel dettaglio delle cose, per capire bene di cosa voglio parlarvi.

Primo: io quella sera non ho festeggiato proprio niente, perchè credo di essere stata una delle poche persone a capire il vero significato della profezia, ovvero che la fine del mondo non si sarebbe verificata in quella data precisa, con un mega boom stile esplosione e la vita sarebbe finita…no…peggio!!! La fine del mondo si sta verificando già da diversi anni ormai: violenza su donne e bambini, uomini che uccidono le proprie mogli/fidanzate, politici che invece di pensare al bene del Paese e dare l’esempio risultano secondo alcuni test drogati e dediti alla prostituzione, alle evasioni fiscali e così via…chirurghi che operano sotto effetto di stupefacenti, madri che infilano i loro bambini nella lavatrice, gente che si suicida perchè non riesce ad arrivare a fine mese!!!

Anche la natura si ribella! Terremoti, inondazioni, piogge di meteoriti, gente che scompare in mare o in aria… E per chi ci crede, anche la Chiesa sta dando segni di cedimento. L’episodio delle dimissioni del Papa d’impatto mi è sembrato un gesto di codardia nel non voler continuare a portare avanti un compito così grande che a lui è stato concesso, ma ora, riflettendoci, quasi mi sento in colpa per essere stata così giudiziosa nei confronti di un uomo anziano che forse non ha davvero più il coraggio di affrontare situazioni difficili e ambigue riguardanti il Mondo Della Chiesa, anch’esso ormai camuffato da falso perbenismo e amore per il prossimo.

Che dire delle famiglie gay che a mio dire pretendono di avere figli e spendono cifre assurde all’estero pur di realizzare questo loro desiderio?! Sono la prima ad essere contro l’omofobia e sono anche d’accordo che si possa concedere loro l’opportunità di sposarsi, perché l’amore è sacro e ognuno ha il diritto di voler bene a chi vuole e di usufruire di leggi che lo tutelino, ma comprare dei bambini per raggiungere i loro scopi NO!!!!

In più, questa mania del web di voler raggiungere la popolarità mostrando cose di cui l’essere umano dovrebbe essere considerato nemmeno un animale, perchè loro hanno molto più cervello di molti di noi!

Vi lascio con questo video, sperando che cose del genere non si vedano neanche più nei film. E che la giustizia faccia il suo corso e sbatta su una sedia elettrica persone come queste che non meritano di esistere!

Be My Italian Valentine!

Myth of the Italian Lover

Immagine

Italian lovers are famous throughout history: Paolo and Francesca, the ill-fated pair described in Dante’s La Divina CommediaRomeo e Giulietta (Romeo and Juliet), the two young lovers from Verona immortalized by Shakespeare; and Renzo and Lucia in I Promessi Sposi, written by Alessandro Manzoni from 1825-27, who succeeded in marrying each other only after overcoming many difficulties and obstacles.

Immagine

In classical history, the Roman holiday Lupercalia was a pagan spring celebration. Priests called luperci participated in ritual sacrifices and fertility rites during the wild, chaotic festivities.

So with all this history of love and romance, spring lust and eros, debauchery and revelry, it would only seem natural that Italy, the purported land of romance, would celebrate Valentine’s Day with great passion and joy.

Myth and Reality

It may be disappointing to learn, then, that although Italy may be the country of love and lovers, the holiday is experienced as somewhat foreign, imported from the U.S. just like Halloween and Mother’s Day. In Italy il giorno della festa degli innamorati is exclusively a celebration for couples or lovers. Children, family members, and friends do not exchange presents. In recent years some commercialism of the American type has crept in, but there is little of the blatant guilt-inducing displays of Godiva chocolates,sexy lingerie, Valentine’s cards, or other smancerie (over-wrought, cloying sentiments).

Immagine

However, for those who are in love Valentine’s Day in Italy is an important one to show their beloved how much they care. In the evening couples usually go to dinner at apizzeria or ristorante. Depending on the age of the pair, gifts could include red roses or perfume, diamonds, or the famous Baci Perugina. These small, chocolate-covered hazelnuts contain a small slip of paper with a romantic poetic quote in four languages.

Immagine

It is strange to think that Saint Valentine, who was renowned for his chastity, became the patron saint of lovers. The historical antecedent comes from two sources. During classical Roman times, Emperor Claudius II decreed marriage forbidden for soldiers. A priest named Valentine ignored this decree and encouraged young people to be united in holy matrimony. For this, he was sentenced to prison and executed on February 14th.

Immagine

In 1465, Pope Paul II authorized the distribution of marriage gifts to poor women. The first ceremony was set for February 14th, and Saint Valentine, whose sainthood was celebrated on this day, became known as the protector of lovers.

The Italian language is rich in expressions and idioms, and frasi d’amore on Valentine’s Day are especially endearing. In English, the expression “I love you” is ubiquitous, while in Italian “Ti amo” is used only between lovers, never with friends, family, or inanimate objects. Instead, the expressions “Vuoi bene” or “Ti voglio bene” are preferred. When in doubt, refer to an Italian language relationship primer. For the truly romantic, learn how to say ‘I Love You’ in Italian.

Immagine

Tutti pazzi per la “Ruzzle Mania”!!!

Ebbene si, che abbiate uno smartphone o un I-Phone non importa amici miei, quel che di sicuro ho capito è che la tecnologia ha sempre idee nuove e accattivanti per catturare la nostra attenzione!

Immagine

Sicuramente avrete sentito parlare del nuovo gioco che stà spopolando sul web…stò parlando di Ruzzle ovviamente!!! 🙂 Ne ignoravo l’esistenza fino a pochi giorni fa, quando per curiosità ho deciso di provarlo e devo dire che è una bella invenzione!!! 😛

Si tratta di un mix tra “Scarabeo” e “15”, la tavoletta su cui si mettevano in ordine i numeri facendoli scorrerere con il pollice. Su Ruzzle,però non bisogna mettere in ordine nulla, si devono solo comporre più parole possibili nei 2 minuti a disposizione. Vi assicuro che non ci vuole niente ad imparare, bisogna solo essere concentrati e cercare di non fossilizzarsi nel realizzare parole troppo lunghe, bensì a fare tante parole brevi, come articoli e preposizioni, sfruttando le lettere con i punti bonus. Ogni partita è composta da 3 manche, vince chi raggiunge il punteggio più alto. (Il meccanismo mi è chiarissimo, ma sono ancora una dilettante…)

Si possono sfidare i propri amici, scegliere avversari a caso e condividere i risultati sui propri social network. Questo gioco è in cima a tutte le classifiche di gradimento delle app e Immaginepensare che all’inzio era snobbato da tutti. Ha avuto il suo boom in un paesino della Luisiana e si stà diffondendo in tutto il mondo. Come per ogni gioco, anche per Ruzzle ormai circolano in rete trucchi e cheat. Su Google Play e sull’App Store sono già disponibili le app per trovare tutte le combinazioni di parole possibili e vincere facile. Ma così che gusto c’è?

Non vi resta che provare, ma attenzione: sappiate che questo giochino si impossesserà di parecchie ore del vostro tempo libero…  😉

Immagine

To be fashion make a braid!

DIstrazione

Ciao a tutti miei carissimi followers! 🙂

Oggi voglio mostrarvi una cosa che sicuramente piacerà a molte ragazze, soprattutto quelle che come me hanno e amano i capelli lunghi… 🙂 Sapete quante acconciature potete fare? Tantissimissime!!! Ce n’è una però che ultimamente ha catturato la mia attenzione e si può creare in diversi modi…sto parlando della treccia! Guardate qui!!! *_*

TRECCIA A SPIGA DI PESCE (FISHTAIL BRAID)

1)Spazzolate bene i capelli, applicate un po’ di fissante e uniformate il tutto con un pettine.

2)Portate i capelli da un lato e formate una coda laterale, che potrete fermare con un elastico. Pettinate la coda formatasi e dividetela in due parti uguali (in modo da avere la ciocca di sinistra e la ciocca destra).

3)Prendere una piccola sezione di capelli dalla ciocca sinistra e portarla verso la ciocca destra e unitela a quest’ultima. Prendere poi una piccola ciocca dalla parte destra e portatela verso la ciocca sinistra unendola a quest’ultima. Ripetete questo passaggio fino ad arrivare alla fine.

Immagine

TRECCIA ALLA FRANCESE

1)Pettinate bene i capelli avendo cura di districarli ed eliminare tutti i nodi. Ora separate una ciocca di capelli sulla sommità del capo. Dividetela in tre ciocche più piccole, ognuna di grandezza uguale: afferrate la ciocca destra con la mano destra e tenete nella mano sinistra la ciocca centrale e quella sinistra, tenendole divise con l’indice.

2)Iniziate ad intrecciare le ciocche: prendete la ciocca sinistra per prima e fatela passare in mezzo alle altre due ciocche. Ora prendete con la mano sinistra la ciocca che prima era centrale e tenetela ben ferma; poi prendete la ciocca destra e fatela passare in mezzo alle altre due. In questo modo avete dato l’inizio alla treccia.

3)Ora prendete la ciocca a sinistra, fatela passare in mezzo alle altre due ciocche ma afferratela con la mano destra e mantenetela separata dalle altre ciocche con un dito; poi, usando la mano sinistra, aggiungete una piccola ciocca di altri capelli che prenderete dalla capigliatura sciolta. Non è difficile: per capire meglio come fare osservate i movimenti del video. Una volta che avrete unito la vecchia e la nuova ciocca, prendete con la mano sinistra la ciocca più a sinistra, premete con il pollice sulla treccia appena cominciata per non farla sciogliere e spostate la mano destra. Fate la stessa cosa nella parte destra: prendete la ciocca più a destra, ponetela al centro mantenendola separata dalle altre con un dito della mano sinistra; poi aggiungete alla ciocca un’altra ciocca di capelli sciolti presi dalla parte destra del capo.

4)Adesso prendete la ciocca finale, quella che si trova al di sotto delle altre, e svolgete lo stesso procedimento eseguito per le altre, prendendo una ciocca di capelli a sinistra. Osservate attentamente il video per fare le mosse giuste. Quando avrete capito il procedimento potrete agevolmente completare la treccia; fermatela con l’elastico e poi vaporizzate la lacca sulla chioma per un effetto scolpito e più bello. Et voilà, c’est magnifique!

Immagine

TRECCIA A CASCATA

1)Per prima cosa per preparare la tua chioma alla realizzazione della treccia, dovrai pettinare i capelli con un pettine di legno e passare la piastra per renderli più lisci, in modo da utilizzarli al meglio. Adesso dovrai fare una bella riga centrale o laterale, in modo tale da dividere i capelli. La treccia a cascata può essere una o più di una, puoi farne soltanto una laterale, oppure due a destra e sinistra, in modo da avere una pettinatura un po’ hyppie.

2)Ora prendi una piccola ciocca di capelli partendo dalla fronte, la treccia viene chiamata a cascata proprio perché ogni tre ciocche della pettinatura scenderanno proprio come l’acqua della cascata. Inizia facendo una piccola treccia in modo orizzontale, ovvero andando sempre verso dietro la tua testa, aiutati con uno specchio in modo tale da correggere gli errori. Ogni treccia dovrai inserire la ciocca di capelli verso il basso, in modo tale da da prendere sempre una ciocca nuova per arrivare fino a d3)

La stessa cosa devi farla per l’altro lato della tua testa, ricordandoti sempre di lasciare le ciocche cadenti ogni tre, e di andare sempre verso dietro in modo quasi orizzontale.  Adesso che hai realizzato le due trecce, dovrai fermarle con un piccolo codino per chiuderle e per unirle entrambe potrai farlo sia con un piccolo ferretto, oppure se vuoi anche con un fermaglio più particolare, in modo tale da rendere l’acconciatura ancora più fantasiosa. Alla fine spruzza un po’ di lacca per capelli, per rendere più longeva la durata dell’acconciatura.. 

waterfall_184037368

 

SPERO VI PIACCIANO!!! SBIZZARRITEVI E SE VI VA MANDATEMI LE VOSTRE FOTO!!!

Il mistero de Los Roques

Immagine

Los Roques è l’arcipelago corallino poco distante da Caracas, situato nel mar dei Caraibi. Questo vero e proprio paradiso terrestre attrae ogni anno numerosissimi turisti, essendo anche dal 1972 parco nazionale vista la varietà di specie di uccelli e la ricchezza di vita all’interno del mare. Quest’isola è stata definita però “maledetta” vista la strana coincidenza che ha visto l’anno scorso e quest’anno, nella stessa data del 4 gennaio, la scomparsa di passeggeri italiani e stranieri a bordo di un aereo.

Un aereo da turismo, un bimotore Britten Norman BN2 Islander, con a bordo sei persone, quattro delle quali italiane, e’ scomparso in Venezuela mentre viaggiava dall’arcipelago di Los Roques diretto verso l’aeroporto Simon Bolivar di Maiquetia. Tra questi anche il figlio dello stilista Missoni.l generale Antonio Rivero, direttore della Protezione civile e comandante delle operazioni di soccorso, annuncia che le ricerche si sposteranno verso il fondo marino, chiedendo quindi l’intervento della nave oceanografica venezuelana, in grado di scandagliare i profondissimi fondali della fossa marina attorno all’atollo di Los Roques. Chiede inoltre l’aiuto delle autorità delle Antille Olandesi per ottenere un aereo di pattugliamento antisub.

Dall’incidente dello scorso anno è stato ritrovato solo il corpo del co-pilota, del piccolo aereo nessuna traccia.

Torniamo indietro di qualche anno, siamo nel 1997 quando si verifica un incidente identico in cui scompaiono due neo sposini italiani in viaggio di nozze. Anche in questo caso nessuna traccia dell’aereo, è stato ritrovato solo il corpo di un passeggero australiano con la testa fracassata, ma senza aria nei polmoni.

Immagine

Mi ricorda un po’ le vicende del Triangolo delle Bermuda, uno dei luoghi più misteriosi, pericolosi e, talvolta, mortali di tutto il pianeta Terra. Per decenni, intrepidi esploratori hanno cercato di risolvere l’enigma che si cela dietro i misteriosi fenomeni generati in questa particolare zona del pianeta. Lo stesso Cristoforo Colombo registra nei suoi diari strani fenomeni luminosi e malfunzionamenti della bussola. Si racconta di bizzarri eventi metereologici, sparizioni di navi e di aerei e di altri accadimenti enigmatici che non possono essere considerati come fenomeni naturali.

Alcuni ricercatori indipendenti sono convinti che i misteriosi fenomeni del Triangolo delle Bermuda siano causati da una qualche tecnologia antica – o aliena – sommersa nelle profondità dell’Oceano Atlantico, un dispositivo ad altissima energia in grado di creare dei veri e propri portali spazio-temporali capaci di trasportare uomini e cose verso altri mondi e altre dimensioni.

Che sia lo stesso per la zona de Los Roques? Non so a voi, ma a me i misteri del mare affascinano tantissimo… E pensare che ogni anno i miei zii mi propongono di andarci!! Provvederò a verificare di persona, se dovessi scomparire non disperate, sarò sicuramente in un mondo migliore a nuotare con gli squali… 😉