Alegremente maniatados de Javier Marias

Buongiorno!!!! Oggi vi propongo la lettura di questo articolo tratto dal settimanale spagnolo con una mia annessa traduzione, l’ho trovato interessante perchè spesso facciamo un uso improprio della tecnologia… 🙂

ALEGRAMENTE MANIATADOS

Tíldenme de ignorante, de anticuado y de bruto, pero cuanto más contacto voy teniendo con las nuevas tecno­logías -qué remedio-, más convencido estoy de que son utilísimas para algunas cosas, pero también de que suponen un tremendo engorro y una constante pérdida de tiempo, de que son un ídolo con pies de barro que a menudo nos deja impotentes y sin recursos y, por supuesto, un peligrosísimo ins­trumento de control y dominación de la gente. Esto último se me hizo patente hace un par de semanas. Viajaba por carretera de Amsterdam a Bruselas, con mi “telefonillo de viajes”. Cuando me preguntan mi móvil, siempre digo que no uso, y no falto en­teramente a la verdad. Compré uno hará siete años, a instancias de mis hermanos, cuando mi padre estaba ya muy enfermo. Me dijeron: “Procúrate uno, para avisarte si ocurre algo en mitad de la noche o cuando andes por ahí”. Me pareció razonable. Al mo­rir mi padre, mi impulso fue tirarlo, ya que no abrigaba intención de utilizarlo: nada me resultaría más odio­so y esclavizador que estar localizable siem­pre, ni veo motivo por el que lo deba estar para nadie, ni siquiera para mis próximos, menuda tabarra. Pero ya que el hoy ante­diluviano móvil obraba en mi poder, se me ocurrió que podría rendirme servicio en los viajes, dado que cada vez es más difícil en­contrar un teléfono público en el mundo.

Pues bien, en un momento determina­do de ese trayecto Amsterdam-Bruselas, sin que se hubiera producido parada, ni el más mínimo control policial o aduanero, el chófer me comunicó que acabábamos de entrar en Bélgica. Acto seguido, mi prehis­tórico celular empezó a emitir pitidos, y en su pantallita apare­cieron mensajes de texto, en los que se me daba la bienvenida a Bélgica y se me proponían tarifas para llamar desde allí. “Lo sa­ben al instante”, pensé, “que he cruzado una frontera, aunque esa frontera sea ya inexistente como tal y no haya debido cumplimentar ningún trámite para pasarla, ni nadie haya registrado mi ingreso en un nuevo país. Nadie debería estar al tanto, y sin embargo esa compañía telefónica controla mis movimientos con tanta eficacia como si llevara en el tobillo una de esas pulseras, vistas en las películas, mediante las cuales la policía sabe en el acto si alguien en arresto domiciliario ha traspasado el umbral de su casa y ha puesto pie en el exterior. Si fuera un fugitivo” (y pienso a menudo que cualquier día podría serlo; tal como se es­tán poniendo las cosas en todas partes), “lo primero que habría de hacer sería arrojar a la cuneta este maldito móvil delator”. Por otra parte, ¿quién nos asegura que las compañías no informan al instante de los pasos de cualquier ciudadano a la policía? ¿Quién nos puede jurar que ésta no está enterada no ya de cuándo atravesamos una frontera, sino de dónde nos encontramos en cada momento, aunque no nos movamos de nuestra ciudad?

Unos días antes de eso, aún en Madrid, había ido a unos gran­des almacenes a cambiar un DVD cuya carátula mentía, como es bastante habitual. Elegí otro y fui a caja. Un poco más caro, había de abonar 1,50 euros. Esta operación, que antes de las nuevas tecnologías habría sido de una sencillez y rapidez pasmosas, se con­virtió en un largo, alambicado y tedioso proceso que nos hizo per­der (a las dependientas y a mí) media hora de reloj. Había que registrar primero que se trataba de una devolución, con su corres­pondiente papelito y mi firma electrónica. El “sistema” era seminuevo y no acababa de funcionar, hubo que reiniciarlo varias veces. Luego -no me hagan caso, no seguí el galimatías con aten­ción-, había que modificar el recibo de mi primera compra, lo cual llevó también no poco rato. A continuación tocaba emitir otro con la segunda, cruzar los dos, hacer una complicada resta que yo ha­bía efectuado mentalmente en un santia­mén hacía siglos, archivar uno de los dos recibos, cerrar la caja registradora en plena operación porque así lo ordenaba ésta, reco­menzar entonces todo el procedimiento desde cero, volver a firmar con mi irrecono­cible firma sobre una pantalla, volver a las sumas y restas. Al cabo de treinta minutos, ya digo, me comunicaron lo que bien sabía. “Tiene usted que abonar 1,50 euros”. “Ah, nunca lo hubiera imaginado”, contesté a la amable dependienta, tan víctima como yo.

Añadan a este mínimo episodio las ingentes cantidades de tiempo que se pierden cada vez que uno llama a una empresa o a un organismo: hay que pasarse larguísimo rato pulsando botones y aguantando musiquillas antes de lograr hablar con alguien “real”, que por lo general es un latinoamericano no inmigrante, sino que está, de hecho, en Ecuador o en el Perú y que no tiene ni idea de lo que pasa aquí, o acaso un marroquí que se encuentra en Rabat y que también lo ignora todo de España. Añadan las numerosas ocasiones en que” se nos ha caído el sistema” y nada se puede hacer hasta que “vuelva”, como si todo el mundo fuera cie­go, sordo y manco y ya no existieran bolígrafos ni papel, no diga­mos iniciativa o espontaneidad. No me caben más ejemplos, pero hay decenas y ustedes los han padecido. Vivimos maniatados por las nuevas tecnologías, en todos los sentidos de la palabra “ma­niatado”. Aun a riesgo de parecer un ignorante, un anticuado y un bruto, el mundo me resulta más lento, ineficaz y pesado -y mu­cho menos libre- que cuando no dependíamos de ellas. No me extraña, a veces, que suframos esta crisis descomunal, cuando parte de la humanidad se ha condenado alegremente a sí misma a perder el tiempo y a la más desesperante improductividad.

JAVIER MARÍAS

El País Semanal, 24 de junio de 2012

LA MIA TRADUZIONE

ALLEGRAMENTE CON LE MANI LEGATE DI JAVIER MARIAS Datemi dell’ignorante, dall’antiquato e del bruto, ma quanto più ho contatti con le nuove tecnologie, che allontano, tanto più sono convinto che sono utilissime per alcune cose, ma presuppongono anche una tremenda seccatura e una costante perdita di tempo, di cui sono un idolo con i piedi di piombo che ci lascia impotenti senza ricorsi e, ovviamente, un pericolosissimo strumento di controllo e dominio della gente. Quest’ultimo mi è apparso evidente da due settimane. Viaggiava per la strada da Amsterdam a Bruxelles, con il mio “citofono di viaggi”. Quando mi chiedono il mio numero di cellulare, dico sempre che non lo uso, e non manco interamente alla verità. Ne ho comprato uno circa sette anni fa quando mio padre era ancora malato. Mi dicevano: “Procuratene uno, per avvisarti se succede qualcosa nel mezzo della notte o quando vai di là”. Mi sembrò ragionevole. Quando è morto mio padre, il mio impulso è stato lanciarlo, poiché non avevo intenzione di utilizzarlo: niente mi sembrava più noioso e schiavizzante dell’essere sempre localizzabile, né vedo il motivo per cui debba esserlo per qualcuno, nemmeno per i miei, troppa rottura. Però già che il cellulare anti diluvio di oggi operava in mio potere, se fosse capitato me ne sarei potuto servire nei viaggi, visto che è sempre più difficile trovare un telefono pubblico nel mondo. Poi bene, in un momento preciso di questo tragitto Amsterdam-Bruxelles, senza sosta, né il benchè minimo posto di blocco o doganale, l’autista mi ha comunicato che eravamo andati a finire in Belgio. Subito dopo, il mio prestorico cellulare ha iniziato ad emettere dei fischi, e sullo schermo sono apparsi messaggi, nei quali mi davano il benvenuto in Belgio e mi proponevano tariffe per chiamare da lì. “Lo sanno all’istante”, ho pensato, “che ho attraversato una frontiera, anche se questa frontiera fosse inesistente come tale e non abbia dovuto completare nessuna pratica per attraversarla, tantomeno qualcuno abbia registrato il mio ingresso in un nuovo Paese. Nessuno dovrebbe esserne al corrente e senza dubbio questa compagnia telefonica controlla i miei spostamenti con tanta efficacia come se portasse alla caviglia uno di questi braccialetti, visti nei film, tramite i quali la polizia sa se qualcuno agli arresti domiciliari ha oltrepassato l’uscio della sua casa e ha messo piede all’esterno. Alcuni giorni prima, sempre a Madrid, ero andato in un grande magazzino per cambiare un DVD. Ne ho scelto un altro e sono andato alla cassa. Un po’ più costoso, dovevo aggiungere 1,50 €. Questa operazione, che prima delle nuove tecnologie sarebbe stata di una semplicità e rapidità stupefacente, si è trasformata in un lungo, complicato e noioso processo che ci ha fatto perdere (alla dipendente e a me) mezz’ora. Dovevo registrare prima che si trattava di una restituzione, con il corrispondente foglietto e la mia firma elettronica. Il “sistema” era nuovo e non funzionava, ho dovuto riavviarlo diverse volte. Poi, non fateci caso, non è seguito il barbugliamento con attenzione, bisognava modificare la ricevuta del mio primo acquisto, il che mi ha portato via non poco tempo. Poi bisognava emettere l’altro con la seconda, incrociarli, fare una sottrazione complicata e che io avevo effettuato mentalmente in un batter d’occhio da secoli, archiviare uno dei due resi, chiudere la cassa in piena operazione perché così ordinava questa, ricominciare allora tutto il procedimento da zero, firmare di nuovo con la mia irriconoscibile firma su uno schermo, tornare alle somme e alle sottrazioni. Allo scoccare dei 30 minuti, già dico, mi hanno comunicato quello che sapevo già. “Deve aggiungere 1,50€”. “Ah, non lo avevo immaginato”, ho risposto all’amabile dipendente, vittima come me. Aggiungete a questo minimo episodio le ingenti candidate da tempo che si perdono ogni volta che uno chiama ad un’impresa o ad un organo: bisogna che passi tantissimo tempo premendo bottoni e reggendo musichette prima di riuscire a parlare con qualcuno “reale”. Non mi vengono in mente altri esempi, ma ce ne sono decine e voi le avete patite. Viviamo con le mani legate dalle nuove tecnologie, in tutti i sensi della parola “mani legate”. Nonostante rischi di sembrare un ignorante, un antiquato e un bruto, il mondo mi sembra più lento, inefficace e pesante e molto meno libero di quando non dipendevamo da queste. Non mi stupisco, a volte, che soffriamo di questa enorme crisi, quando parte dell’umanità si è condannata allegramente a se stessa nel perdere tempo e nell’improduttività più snervante.

Maria Lorena Lanza

A tutti i folli…

Citazione

A tutti i folli. I solitari. I ribelli. Quelli che non si adattano. Quelli che non ci stanno. Quelli che sembrano sempre fuori luogo. Quelli che vedono le cose in modo differente. Quelli che non si adattano alle regole e non hanno rispetto per lo status quo. Potete essere d’accordo con loro o non essere d’accordo. Li potete glorificare o diffamare. L’unica cosa che non potete fare é ignorarli. Perché cambiano le cose. Spingono la razza umana in avanti e mentre qualcuno li considera dei folli, noi li consideriamo dei geni. Perché le persone che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo sono coloro che lo cambiano davvero.

Steve Jobs

Tutti pazzi per la “Ruzzle Mania”!!!

Ebbene si, che abbiate uno smartphone o un I-Phone non importa amici miei, quel che di sicuro ho capito è che la tecnologia ha sempre idee nuove e accattivanti per catturare la nostra attenzione!

Immagine

Sicuramente avrete sentito parlare del nuovo gioco che stà spopolando sul web…stò parlando di Ruzzle ovviamente!!! 🙂 Ne ignoravo l’esistenza fino a pochi giorni fa, quando per curiosità ho deciso di provarlo e devo dire che è una bella invenzione!!! 😛

Si tratta di un mix tra “Scarabeo” e “15”, la tavoletta su cui si mettevano in ordine i numeri facendoli scorrerere con il pollice. Su Ruzzle,però non bisogna mettere in ordine nulla, si devono solo comporre più parole possibili nei 2 minuti a disposizione. Vi assicuro che non ci vuole niente ad imparare, bisogna solo essere concentrati e cercare di non fossilizzarsi nel realizzare parole troppo lunghe, bensì a fare tante parole brevi, come articoli e preposizioni, sfruttando le lettere con i punti bonus. Ogni partita è composta da 3 manche, vince chi raggiunge il punteggio più alto. (Il meccanismo mi è chiarissimo, ma sono ancora una dilettante…)

Si possono sfidare i propri amici, scegliere avversari a caso e condividere i risultati sui propri social network. Questo gioco è in cima a tutte le classifiche di gradimento delle app e Immaginepensare che all’inzio era snobbato da tutti. Ha avuto il suo boom in un paesino della Luisiana e si stà diffondendo in tutto il mondo. Come per ogni gioco, anche per Ruzzle ormai circolano in rete trucchi e cheat. Su Google Play e sull’App Store sono già disponibili le app per trovare tutte le combinazioni di parole possibili e vincere facile. Ma così che gusto c’è?

Non vi resta che provare, ma attenzione: sappiate che questo giochino si impossesserà di parecchie ore del vostro tempo libero…  😉

Immagine

Perla di questo Lunedì…

«So che oggi è Lunedì e tu presumi che sarà una giornata schifosa, ma secondo le statistiche, ci saranno più di cinquemila matrimoni, diecimila parti, e quarantadue milioni di abbracci tutto oggi: in tutti gli Stati Uniti. Anche oggi, ci saranno almeno quattro persone che vinceranno alle lotterie svariati milioni di dollari e seicento persone avranno promozioni sul posto di lavoro. Ci saranno anche seicento cani adottati, trentacinquemila palloncini venduti, e ottocentomila Skittles mangiati. Inoltre, il “ti amo” si dirà più di nove milioni di volte. Quindi, di nuovo, lo so che oggi è Lunedì e tu presumi che sarà una giornata schifosa, ma sorridi, perché secondo le statistiche, in realtà dovrebbe essere un giorno veramente bello.»

In assoluto il testo da tradurre più esilarante che mi sia capitato!

LA FICTION E L’AMERICA

Io non sono mai stato in America: la conosco solo attraverso la tv, ma è sufficiente. Dai telefilm si capisce che gli americani sono una razza a parte.

Il poliziotto americano si chiama Jo McAllan, il poliziotto italiano è
diverso: si chiama Ciro Scapece. Jo, dopo un inseguimento in cui ha
distrutto 400 macchine e 60 aerei e ha ammazzato 45 mafiosi, ma non con la pistola (aveva finito i colpi)… a mozzichi!!!. Finalmente torna a casa: una villetta bianca dove un bambino di sei anni ha lasciato la bicicletta in giardino. Anche Ciro Scapece, dopo otto ore a piazza Dante a correre appresso agli scippatori, torna a casa, ma nel suo giardino non c’è nessuna bicicletta, per tre buoni motivi: primo, se il bambino lascia la bicicletta in giardino, non ce la ritrova; secondo, forse non ci ritrova nemmeno il bambino; terzo, come cavolo puo avere un giardino Ciro con lo stipendio da poliziotto?

Jo McAllan entra a casa e chiama la moglie: “Brooke!”. Brooke è di spalle, si gira: è una bambola con tre chili di capelli biondissimi, 130 denti bianco-cocaina, 35 metri quadrati di labbra rosso-rubino! Da noi una così non se la può permettere neanche il sottosegretario del Ministero di Economia, pagando, naturalmente. Ciro Scapece entra a casa e chiama la moglie: “Filumena!”. Filumena è di spalle ed è meglio, anche se si gira, la differenza è minima. Filumena ha tre chili di bigodini, cinque-sei denti di cui tre giallo-sigaretta, 35 metri quadrati di labbra per via dell’herpes.

Brooke guarda Jo e chiede: “Giornata dura, amore?”. “No”, risponde il marito. “No, bambola, come al solito”… Ma come sarebbe? Tu hai fatto quel casino, quella carneficina, che da noi manco se uno passa tre giorni a Malpensa succede tutto quello che è successo a te negli ultimi cinque minuti, e dici “come al solito”! Brooke sorride a Jo; Brooke è un monumento di ormoni che se un poliziotto italiano, compreso Ciro Scapece, la vede, non sopravvive. Filumena è un monumento di cellulite che se un poliziotto italiano, compreso Ciro, la vede, difficilmente sopravvive.

Jo attraversa tutta la casa per arrivare in cucina: ci mette 20 minuti, abita in una specie di Versailles. Arriva in cucina, apre il frigo, beve un whisky triplo con dentro sei uova e si versa un bicchiere di latte da 24 litri. Ciro entra a casa e già sta in cucina; apre il frigo, ci guarda dentro e si mette a piangere. Jo McAllan guarda Brooke: “Tu sei il mio tipo, bambola. Saranno i tuoi occhi…” Ciro Scapece guarda Filumena: “Sembri una Tipo, bambola, anzi una 127. Saranno i tuoi occhiali”. Brooke si sfila una vestaglia che da noi non se la può permettere nemmeno la moglie di un mafioso, figuriamoci la moglie di un poliziotto. Sotto appare una mutanda di pizzo e un reggiseno che costa come tutta la tredicesima. Brooke sembra la Barbie: l’unica differenza è l’altezza. Filumena si sfila, sudaticcia, la tuta da ginnastica e sotto compaiono due calzini di lana grigi. Filumena sembra Omar Sivori. L’unica differenza sono i baffi: Sivori non li ha mai portati. 

To be fashion make a braid!

DIstrazione

Ciao a tutti miei carissimi followers! 🙂

Oggi voglio mostrarvi una cosa che sicuramente piacerà a molte ragazze, soprattutto quelle che come me hanno e amano i capelli lunghi… 🙂 Sapete quante acconciature potete fare? Tantissimissime!!! Ce n’è una però che ultimamente ha catturato la mia attenzione e si può creare in diversi modi…sto parlando della treccia! Guardate qui!!! *_*

TRECCIA A SPIGA DI PESCE (FISHTAIL BRAID)

1)Spazzolate bene i capelli, applicate un po’ di fissante e uniformate il tutto con un pettine.

2)Portate i capelli da un lato e formate una coda laterale, che potrete fermare con un elastico. Pettinate la coda formatasi e dividetela in due parti uguali (in modo da avere la ciocca di sinistra e la ciocca destra).

3)Prendere una piccola sezione di capelli dalla ciocca sinistra e portarla verso la ciocca destra e unitela a quest’ultima. Prendere poi una piccola ciocca dalla parte destra e portatela verso la ciocca sinistra unendola a quest’ultima. Ripetete questo passaggio fino ad arrivare alla fine.

Immagine

TRECCIA ALLA FRANCESE

1)Pettinate bene i capelli avendo cura di districarli ed eliminare tutti i nodi. Ora separate una ciocca di capelli sulla sommità del capo. Dividetela in tre ciocche più piccole, ognuna di grandezza uguale: afferrate la ciocca destra con la mano destra e tenete nella mano sinistra la ciocca centrale e quella sinistra, tenendole divise con l’indice.

2)Iniziate ad intrecciare le ciocche: prendete la ciocca sinistra per prima e fatela passare in mezzo alle altre due ciocche. Ora prendete con la mano sinistra la ciocca che prima era centrale e tenetela ben ferma; poi prendete la ciocca destra e fatela passare in mezzo alle altre due. In questo modo avete dato l’inizio alla treccia.

3)Ora prendete la ciocca a sinistra, fatela passare in mezzo alle altre due ciocche ma afferratela con la mano destra e mantenetela separata dalle altre ciocche con un dito; poi, usando la mano sinistra, aggiungete una piccola ciocca di altri capelli che prenderete dalla capigliatura sciolta. Non è difficile: per capire meglio come fare osservate i movimenti del video. Una volta che avrete unito la vecchia e la nuova ciocca, prendete con la mano sinistra la ciocca più a sinistra, premete con il pollice sulla treccia appena cominciata per non farla sciogliere e spostate la mano destra. Fate la stessa cosa nella parte destra: prendete la ciocca più a destra, ponetela al centro mantenendola separata dalle altre con un dito della mano sinistra; poi aggiungete alla ciocca un’altra ciocca di capelli sciolti presi dalla parte destra del capo.

4)Adesso prendete la ciocca finale, quella che si trova al di sotto delle altre, e svolgete lo stesso procedimento eseguito per le altre, prendendo una ciocca di capelli a sinistra. Osservate attentamente il video per fare le mosse giuste. Quando avrete capito il procedimento potrete agevolmente completare la treccia; fermatela con l’elastico e poi vaporizzate la lacca sulla chioma per un effetto scolpito e più bello. Et voilà, c’est magnifique!

Immagine

TRECCIA A CASCATA

1)Per prima cosa per preparare la tua chioma alla realizzazione della treccia, dovrai pettinare i capelli con un pettine di legno e passare la piastra per renderli più lisci, in modo da utilizzarli al meglio. Adesso dovrai fare una bella riga centrale o laterale, in modo tale da dividere i capelli. La treccia a cascata può essere una o più di una, puoi farne soltanto una laterale, oppure due a destra e sinistra, in modo da avere una pettinatura un po’ hyppie.

2)Ora prendi una piccola ciocca di capelli partendo dalla fronte, la treccia viene chiamata a cascata proprio perché ogni tre ciocche della pettinatura scenderanno proprio come l’acqua della cascata. Inizia facendo una piccola treccia in modo orizzontale, ovvero andando sempre verso dietro la tua testa, aiutati con uno specchio in modo tale da correggere gli errori. Ogni treccia dovrai inserire la ciocca di capelli verso il basso, in modo tale da da prendere sempre una ciocca nuova per arrivare fino a d3)

La stessa cosa devi farla per l’altro lato della tua testa, ricordandoti sempre di lasciare le ciocche cadenti ogni tre, e di andare sempre verso dietro in modo quasi orizzontale.  Adesso che hai realizzato le due trecce, dovrai fermarle con un piccolo codino per chiuderle e per unirle entrambe potrai farlo sia con un piccolo ferretto, oppure se vuoi anche con un fermaglio più particolare, in modo tale da rendere l’acconciatura ancora più fantasiosa. Alla fine spruzza un po’ di lacca per capelli, per rendere più longeva la durata dell’acconciatura.. 

waterfall_184037368

 

SPERO VI PIACCIANO!!! SBIZZARRITEVI E SE VI VA MANDATEMI LE VOSTRE FOTO!!!

Il mistero de Los Roques

Immagine

Los Roques è l’arcipelago corallino poco distante da Caracas, situato nel mar dei Caraibi. Questo vero e proprio paradiso terrestre attrae ogni anno numerosissimi turisti, essendo anche dal 1972 parco nazionale vista la varietà di specie di uccelli e la ricchezza di vita all’interno del mare. Quest’isola è stata definita però “maledetta” vista la strana coincidenza che ha visto l’anno scorso e quest’anno, nella stessa data del 4 gennaio, la scomparsa di passeggeri italiani e stranieri a bordo di un aereo.

Un aereo da turismo, un bimotore Britten Norman BN2 Islander, con a bordo sei persone, quattro delle quali italiane, e’ scomparso in Venezuela mentre viaggiava dall’arcipelago di Los Roques diretto verso l’aeroporto Simon Bolivar di Maiquetia. Tra questi anche il figlio dello stilista Missoni.l generale Antonio Rivero, direttore della Protezione civile e comandante delle operazioni di soccorso, annuncia che le ricerche si sposteranno verso il fondo marino, chiedendo quindi l’intervento della nave oceanografica venezuelana, in grado di scandagliare i profondissimi fondali della fossa marina attorno all’atollo di Los Roques. Chiede inoltre l’aiuto delle autorità delle Antille Olandesi per ottenere un aereo di pattugliamento antisub.

Dall’incidente dello scorso anno è stato ritrovato solo il corpo del co-pilota, del piccolo aereo nessuna traccia.

Torniamo indietro di qualche anno, siamo nel 1997 quando si verifica un incidente identico in cui scompaiono due neo sposini italiani in viaggio di nozze. Anche in questo caso nessuna traccia dell’aereo, è stato ritrovato solo il corpo di un passeggero australiano con la testa fracassata, ma senza aria nei polmoni.

Immagine

Mi ricorda un po’ le vicende del Triangolo delle Bermuda, uno dei luoghi più misteriosi, pericolosi e, talvolta, mortali di tutto il pianeta Terra. Per decenni, intrepidi esploratori hanno cercato di risolvere l’enigma che si cela dietro i misteriosi fenomeni generati in questa particolare zona del pianeta. Lo stesso Cristoforo Colombo registra nei suoi diari strani fenomeni luminosi e malfunzionamenti della bussola. Si racconta di bizzarri eventi metereologici, sparizioni di navi e di aerei e di altri accadimenti enigmatici che non possono essere considerati come fenomeni naturali.

Alcuni ricercatori indipendenti sono convinti che i misteriosi fenomeni del Triangolo delle Bermuda siano causati da una qualche tecnologia antica – o aliena – sommersa nelle profondità dell’Oceano Atlantico, un dispositivo ad altissima energia in grado di creare dei veri e propri portali spazio-temporali capaci di trasportare uomini e cose verso altri mondi e altre dimensioni.

Che sia lo stesso per la zona de Los Roques? Non so a voi, ma a me i misteri del mare affascinano tantissimo… E pensare che ogni anno i miei zii mi propongono di andarci!! Provvederò a verificare di persona, se dovessi scomparire non disperate, sarò sicuramente in un mondo migliore a nuotare con gli squali… 😉

Addio Rita!

Immagine

Oggi si è spenta una delle più grandi Donne dello scenario mondiale,l’onore del popolo italiano: Rita Levi Montalcini. Premio Nobel per la medicina (1986), senatrice a vita (2001), questi sono solo due esempi delle cariche che questa grande donna si è conquistata con il suo impegno e la sua dedizione. 

Premessa, non mi ritengo una donna di scienza, non credo a coloro che si basano solo su ciò che vedono, mi ritengo piuttosto una persona di cuore e la matematica non mi è mai piaciuta. Tuttavia ho ammirato il coraggio di questa donna nell’affrontare il mondo ancora oggi maschilista, figuriamoci a quei tempi…il suo affermarsi come donna libera, rimanendo sempre fiduciosa dell’idea che “Le nostre capacità mentali – uomo e donna – sono le stesse: abbiamo uguali possibilità e differente approccio.”

Riguardo alla propria esperienza di donna nell’ambito scientifico, ha descritto i rapporti coi collaboratori e studiosi sempre amichevoli e paritari, sostenendo che le donne costituiscono al pari degli uomini un immenso serbatoio di potenzialità, sebbene ancora lontane dal raggiungimento di una piena parità sociale.Spesso è stata attiva in campagne di interesse politico e sociale, come quelle contro le mine anti-uomo e ha collaborato in diverse iniziative umanitarie con l’ONU, ma per arrivare a tutto questo ha rinunciato ad una cosa fondamentale secondo me: ad avere un marito e dei figli, ovvero una propria famiglia, perchè non si può imporre ad una persona di rinunciare alla propria femminilità.

E secondo voi cosa se ne fa una persona di una vita di successi senza qualcuno di caro con cui condividerli? Non dobbiamo essere ciechi, purtroppo la parità dei sessi è ancora un’utopia! “Battiamo su uno specchio e nessuno ci risponde. Siamo in mille, ma siamo sole.” Questo diceva Susanna Tamaro ed io lo confermo.

Vi basti pensare che a ricoprire le cariche più importanti sono sempre gli uomini… eppure esistono tantissime donne capaci con la loro intelligenza di raggiungere le cime più alte della conoscenza, con libri, tacchi e rossetto! Trovo indecoroso che ad una donna di oggi, quando ci si ritrova a riempire un curriculum, le si debba chiedere tra le prime opzioni “Ha intenzione di avere figli?” Si, avete capito bene, perchè se mai lo desideraste anche solo lontanamente, consideratevi già escluse!

Le leggi italiane dovrebbero tutelare maggiormente le donne, non mi stancherò mai di dirlo. Non pensate solo alla crisi, il denaro è importante, ma non vi fossilizzate su questo. Non è un discorso femminista, ma le donne mandano avanti il mondo! C’è ancora chi va dicendo in giro quando una donna viene violentata “Eh ma hai visto come si vestiva? Voleva provocare!” “Si però sui mezzi non si va con la minigonna”, “Quella?Se fosse rimasta a casa non le sarebbe successo niente!”…. MA CHE DISCORSI SONO!!!!! Violentano anche anziane di 80 anni per rubare i soldi che hanno dietro, allora quelle poverine provocano con il bastone?!!!

Ognuno ha il diritto di fare quello che vuole nel rispetto altrui! Non esiste nessuna giustificazione ad una violenza sessuale, alla discriminazione e alla prepotenza.

Rita è un esempio brillante di donna che è riuscita a farsi strada nella vita, ma come lei riescono in pochissime, soprattutto per come stanno le cose oggi.

Non ho scritto questo articolo per elencarvi le sue imprese che l’hanno condotta ad essere tale, queste notizie sono facilmente reperibili su migliaia di siti internet. Il mio intento è quello di farvi riflettere su cose che magari diamo per scontate e invece non lo sono. 

Addio Rita! 

Grazie per quello che hai fatto per noi. Sarai sempre un esempio da seguire.

L’importanza delle lingue nel mondo

                       mappa-lingue-mondo-italiano-piccola

Secondo recenti studi ci sono fra le 6000 e le 7000 lingue parlate nel mondo da 6 milioni di persone divise in 189 stati indipendenti.

La maggior parte delle lingue mondiali vengono parlate in Asia, India Africa e Sud America.

Nessuna lingua è di per sé più difficile di altre: tutti i bambini, infatti, apprendono la loro lingua madre nello stesso modo naturale e con uguale facilità.

Le persone di diverse lingue sono in  costante contatto l’una con l’altra e quindi si condizionano reciprocamente in molti modi: un esempio eloquente è proprio  l’Inglese che ha preso in “prestito” molte parole ed espressioni da altre lingue in passato, mentre le lingue europee in questo momento stanno prendendo  in  “prestito” molte parole dall’Inglese.

Il lavoro e la professionalità del traduttore contribuisce a mantenere vivo lo scambio culturale e finanziario tra i diversi popoli che parlano diverse lingue, consentendo una corretta comprensione linguistica tra le persone nel rispetto della totale uniformità terminologica.

corsi_di_lingue1

Le lingue più parlate

ll Cinese risulta la lingua più parlata al mondo da ben 1 miliardo e 213 milioni di persone.

A seguire:

  • 329 milioni di persone parlano lo Spagnolo
  • 328 milioni di persone parlano l’ Inglese
  • 221 milioni di persone parlano l’ Arabo
  • 182 milioni di persone parlano l’ Hindi
  • 181 milioni di persone parlano il Bengalese
  • 178 milioni di persone parlano il Portoghese
  • 144 milioni di persone parlano il Russo
  • 122 milioni di persone parlano il Giapponese
  • 90 milioni di persone parlano il Tedesco
  • 62 milioni di persone parlano il l’Italiano e in questa classifica l’Italia si trova al diciannovesimo posto.

Alcune curiosità
Il Basco risulta essere il linguaggio più difficile e ostico, non si relaziona con altre lingue ed è parlato al nord della Spagna ed in alcune piccole zone della Francia confinanti con la spagna.

Il Latino, molto diffuso in passato, è rimasto lingua ufficiale solamente nella Città del Vaticano.

Nel Nord Africa è parlata la lingua Berbera,  questa forma di comunicazione non ha una forma scritta.

L’alfabeto più grande del mondo, con ben 74 lettere, è il Cambogiano.

L’alfabeto più corto del mondo con sole 11 lettere appartiene alle  Isole Salomone.

In alcune parti della Guinea Francese si parla  il linguaggio Taki,  questo linguaggio è formato da sole 340 parole.

In alcune zone dell’India, si parla la lingua Malayalam questa è l’unica lingua parlata  il cui nome è una parola palindroma.

Una lingua Vietnamita  il Sedang contiene il più alto numero di vocali ben  55 suoni distinguibili.

La maggior parte delle lingue attualmente presenti,  vengono parlate in Asia, India, Africa e Sud America.

Molte persone pensano che la maggior parte della popolazione mondiale parli una sola lingua, al contrario, la metà della popolazione mondiale parla due o più lingue.

Lingue a pericolo di estinzione
L’Unesco lancia un allarme grave: sono a rischio d’estinzione 2500 delle 6900 lingue parlate nel mondo.

Risulta che siano 199 gli idiomi parlati da meno di una decina di persone:

Il Wichita sarebbe usato solamente da una decina di persone residenti in Oklahoma, mentre la lingua Karaim sarebbe noto solamente a sei persone che si trovano in Ucraina.

Nella lista di questo triste primato troviamo l’India con 196 idioma a rischio di estinzione, a seguire gli Stati Uniti con 192 e l’Indonesia con 147.

Nella classifica stilata dall’Unesco, si cita che 538 lingue sono gravemente in pericolo, quelle seriamente in pericolo sono 502, quelle sicuramente in pericolo sono 632 e quelle a rischio sono 607.

In Papua Nuova Guinea, sarebbero a rischio 88  delle 800 lingue parlate.

Tramite le valutazioni e i dati rilevati negli ultimi decenni, è stato calcolato che entro la fine del ventunesimo secolo, il 90 per cento delle lingue che attualmente si parlano potrebbero estinguersi.

Sempre una nota dell’Unesco spiega che tra il 1974  e 2002,  a seguito della scomparsa di alcune persone, sono morti anche linguaggi come il Manx, linguaggio parlato nell´isola di Man, l´Aasax della Tanzania,  l´Ubykh della Turchia,  l´Eyak dell´Alaska

Ogni volta che muore un idioma cadono in disuso anche le traduzioni, i saperi e le opere artistiche di un determinato popolo. I linguisti, negli ultimi anni, si stanno adoperando molto  per salvaguardare  gli idiomi a rischio di estinzione, consapevoli del disastro storico artistico che ne consegue. Quante persone sono rimaste le uniche testimoni di una maniera di comunicare che non ha più interlocutori!

Per citare solo un grande ricercatore nel settore del linguaggio, Anthony Aristar: “Una lingua non è fatta solo di parole e grammatica, è una rete di storie che mettono in contatto tutte le persone che usano ed hanno usato in passato quella lingua, ha in sé tutte le conoscenze che una comunità linguistic ha lasciato ai suoi discendenti.  La morte di una lingua è come la morte di una specie, con essa si perde un anello della catena e tutto ciò che quella parte significava per il tutto”

L’università dello Utah è molto attiva nella lotta contro i pericoli di una globalizzazione linguistica. Anche la National Science Foundation si è attivata, creando un sito web che descrive le lingue a rischio: qui raccoglierà dati, lessico, registrazioni e catalogazioni. Il ricercatore Aristar puntualizza: “Mentre una lingua è ancora in vita, resta sempre un barlume di speranza di potere tramandare qualcosa ai posteri. Se non faremo questo lavoro, ci sarà un momento in cui le uniche culture rimaste saranno quelle espresse nelle “grandi” lingue: inglese, spagnolo, cinese ed arabo”.

Questo problema è noto da tempo: negli ultimi 500 anni sono scomparse la metà degli idiomi del mondo. Tipico dei nostri giorni è la velocità con cui tali scomparse avvengono: gli studiosi di linguistica prevedono che circa il 90% delle 7000 lingue del mondo non ci sarà più.

In ciò che i linguisti definiscono giustamente “un’immane tragedia”  resta, tuttavia, una speranza; come asserisce Campbell: “Se preserveremo anche poche informazioni su un idioma estinto, avremo le basi per ricostruire relazioni e connessioni andando indietro nel tempo di migliaia di anni, grazie anche alla comparazione ed unione di dati di carattere archeologico e storico. Il database elettronico sarà lo snodo fondamentale per condividere le informazioni, il primo step per mettere al sicuro quel che ci resta delle lingue a rischio”.

Fra le varie associazioni, a scopo benefico e non, che si battono da anni per la preservazione delle lingue in pericolo di estinzione, anche e soprattutto come patrimonio multilingue prezioso per l’umanità intera,   da citare è l’Unesco. Ha pubblicato anche un atlante delle lingue in pericolo di estinzione.

Lo studio delle lingue come forza combattiva contro i sintomi e la malattia dell’Alzheimer  ( indagine scientifica)

La neurologia della memoria continua a sollevare domande sicuramente interessanti per l’apprendimento e lo studio delle lingue.

Una buona notizia per gli appassionati delle lingue: uno Studio pubblicato recentemente da D. Iacono et al.  ( “The Nun Study; Clinically silent AD, neuronal hypertrophy and linguistic skills in early life”, Rivista “Neurology, settembre 2009, tradotto )“Uno studio sulle monache: malattie dell’Alzheimer clinicamente silenziose, l’ipertrofia neuronale e le competenze linguistiche nell’infanzia “ afferma che lo studio delle lingue può proteggerci dai sintomi della malattia dell’Alzheimer!

I ricercatori hanno analizzato, in seno ad un progetto nel lungo termine, 93 suore cattoliche, analizzate da quando le suore entrarono in convento a circa 20’anni.  A tutte le suore fu chiesto di scrivere una breve autobiografia prima di prendere i voti. Nei 50′anni successivi sono stati loro somministrati sette test di tipo cognitivo e le loro autobiografie sono state analizzate per numero di idee espresse ogni 10 parole e complessità grammaticale delle frasi.

Sono state, inoltre, realizzate delle autopsie a livello cerebrale sulle suore alla loro scomparsa.  Fra le 14 suore scomparse, a 5 fu diagnosticato l’Alzheimer nell’autopsia.
Tutte cinque avevano evidenziato una bassa densità di idee in giovane età, ma ciò non poteva dirsi delle 9 a cui non era stato diagnosticato l’Alzheimer.

Studi come questo non provano nulla di scientificamente certo, ma forniscono solo una preziosa convalida statistica ed hanno come logica conseguenza la raccomandazione di apprendere una o più lingue straniere come forma di esercizio mentale per combattere i rischi di contrarre la malattia dell’Alzheimer.

Il bilinguismo è stato associato anche ad un rallentamento di afasie e menomazioni linguistiche.

Ad esempio, nel 2007, ricercatori del Centro di Ricerca Baycrest  per l’invecchiamento delle attività cerebrali pubblicarono uno studio in cui si asserisce che pazienti anziani che avevano trascorso le loro vite parlando più di una lingua mostravano una menomazione cognitiva circa quattro anni più tardi rispetto ai pazienti che avevano parlato per tutta la vita una sola lingua.
Tale differenza, secondo gli stessi relatori, è impareggiabile da qualsiasi intervento farmaceutico.

Come la lingua possa veramente ridurre i rischi della menomazione cognitiva è veramente poco chiaro, ma la complessità del linguaggio può fornire una sorta di esercizio a varie regioni cerebrali simili all’esercizio fisico raccomandato dai medici per la proiezione di una vita in salute anche in età avanzata.

In conclusione, l’istruzione di noi stessi e delle generazioni future, dovrà continuare ad essere un’istruzione plurilingue e multiculturale, al servizio dell’accrescimento alla consapevolezza linguistica ed all’accettazione dell’altro e del diverso!

Tradizioni natalizie pescopagnanesi

Pescopagano funge da vero e proprio passante tra l’Irpinia e la Basilicata: nonostante sia posto geograficamente in Basilicata, tradizioni, origini storiche e forme dialettali soprattutto, risentono della cultura irpina e campana in generale. Nel periodo natalizio le nostre nonne e mamme si dilettano i piatti prelibati, che riempiono le nostre tavole e riscaldano i nostri cuori! Credo sia importantissimo che queste tradizioni culinarie si tramandino di generazione in generazione, quindi oggi ho rovistato tra le vecchie ricette della nonna e ve le rivelerò così potrete cimentarvi nelle vostre case e scoprire il sapore delle cose vere e genuine che il Sud da sempre si fa portavoce! 🙂

I CICEROTTI

 1Kg di farina tipo 0
 1 e ½ di olio ex di gusto delicato (in alternativa: 150g di burro o margarina)
 vino bianco aromatico, non frizzante qb
 un pizzico di sale

RIPIENO

 250 g di ceci bolliti e passati
 150g di cacao amaro
 50g di cioccolato fondente grattugiato
 mezza tazzina di caffè
 3 cucchiai di liquore di anice
 buccia grattugiata di limone
 un pizzico abbondante di cannella
 bustina di vaniglia
 Zucchero o miele

PROCEDIMENTO

Preparare l’impasto e dopo averlo ben lavorato, lasciarlo riposare. Poi tirare la sfoglia dello spessore dei ravioli.
Amalgamare bene il ripieno e con esso farcire la sfoglia confezionando ravioli non eccessivamente grandi. Friggere in olio di semi di mais, aggiungere il miele.

194615_338183329541888_409625488_oCIC 2

GLI STRUFFOLI

Ingredienti:

– Farina 600 gr ,
– Uova 4 + 1 tuorlo,
– zucchero 2 cucchiai ,
– burro 80 gr (una volta si usava lo strutto: 25 gr.)
– 1 bicchierino di limoncello o rum,
– Scorza di mezzo limone grattuggiata
– Sale un pizzico
– olio (o strutto) per friggere

Per condire e decorare:
-Miele 400 gr ,
-confettini colorati
-confettini cannellini (confettini che all’interno contengono aromi alla cannella)

isponete la farina a fontana sul piano di lavoro, impastatela con uova, burro, zucchero, la scorza grattugiata di mezzo limone,un bicchierino di rum e un pò di sale. Ottenuto un amalgama omogeneo e sostenuto, dategli la forma di una palla e fatelo riposare mezz’ora. Poi lavoratela ancora brevemente e dividetela in pallottole grandi come arance, da cui ricavare, rullandoli sul piano infarinato, tanti bastoncelli spessi un dito; tagliateli a tocchettini che disporrete senza sovrapporli su un telo infarinato.
Al momento di friggerli, porli in un setaccio e scuoterli in modo da eliminare la farina in eccesso.

Friggeteli pochi alla volta in abbondante olio bollente: prelevateli gonfi e dorati, non particolarmente coloriti. Sgocciolateli e depositateli ad asciugare su carta assorbente da cucina.
Fate liquefare il miele a bagnomaria in una pentola abbastanza capiente, toglitela dal fuoco e unite gli struffoli fritti, rimescolando delicatamente fino a quando non si siano bene impregnati di miele. Versare quindi la metà circa dei confettini e della frutta candita tagliata a pezzettini e rimescolare di nuovo.
Prendete quindi il piatto di portata, mettetevi al centro un barattolo di vetro vuoto (serve per facilitare la formazione del buco centrale) e disponete gli struffoli tutt’intorno a questo in modo da formare una ciambella. Poi, a miele ancora caldo, prendete i confettini e la frutta candita restanti e spargetela sugli struffoli in modo da cercare di ottenere un effetto esteticamente gradevole.
Quando il miele si sarà solidificato, togliete delicatamente il barattolo dal centro del piatto e servite gli struffoli.

struffoli

I MOSTACCIOLI

Ingredienti

  • 500 g di farina tipo 00
  • 300 g di zucchero semolato
  • 10 g di bicarbonato di ammonio
  • 25 g di cacao amaro
  • la scorza di mezza arancia o limone grattugiata
  • un cucchiaino raso di cannella
  • un cucchiaino raso di chiodi di garofano
  • un cucchiaino raso di noce moscata
  • 200 ml di acqua c.a.
  • 700 g di cioccolato fondente per la copertura

 Procedimento

Disponete la farina a fontana, aggiungete lo zucchero, la scorza grattugiata, il cacao, la cannella, i chiodi di garofano e la noce moscata. Mescolate tutti gli ingredienti e formate di nuovo una fontana nella quale verserete un bicchiere di acqua tiepida in cui avrete sciolto il bicarbonato di ammonio. Cominciate a impastare e aggiungete acqua quanto basta affinché la pasta diventi soda ma modellabile.Stendete col matterello metà della pasta fino ad ottenere uno spessore di circa 1 cm. Con l’apposito tagliabiscotti ricavate dei rombi.Disponete i mostaccioli su una teglia rivestita con carta da forno e infornate a 200° per circa 10 minuti. Nel frattempo, sciogliete a bagnomaria il cioccolato tritato grossolanamente.Bagnate i mostaccioli tenendoli sulla punta di una forchetta e posizionateli su un foglio di carta da forno fino a quando non saranno completamente asciugati.

Mostaccioli-Morbidi-300x184

LE CANESTRELLE

Ingredienti:
1 kg di farina
100 gr di zucchero
2 uova
100 gr di burro
100 gr di grappa
Scorza grattugiata di un limone
Vino tiepido qb
Olio per frittura
Un barattolo di miele da 500 gr
Noci tritate grossolanamente
Procedimento:
Impastate tutti gli ingredienti su una spianatoia fino a ottenere un impasto morbido ed omogeneo. Create un panetto e lasciatelo riposare per una ventina di minuti, dopodiché cominciate ad allungare la sfoglia, che dovrà essere il più sottile possibile: il ricorso ad una macchina per la pasta vi faciliterà il lavoro!
 Una volta ottenuta una sfoglia sottile tagliate con una rotellina seghettata delle piccole striscioline larghe all’incirca 2 cm: da ognuna ricaverete una canestrella piegandola in due in senso longitudinale, pizzicandone i bordi tra le dita alla distanza di circa 1,5 cm per tutta la lunghezza e arrotolandola su sé stessa.Una volta completata la creazione delle canestrelle potrete procedere con la frittura e poi con il condimento: in una padella fate riscaldare il miele poco per volta e quando sarà abbastanza liquido immergetevi le canestrelle e fatele caramellare per un tempo sufficiente sia sul lato inferiore che su quello superiore.

 La guarnizione delle canestrelle può essere completata con l’aggiunta di noci, che andranno fatte caramellare con il miele in un’altra padella e distribuite sopra i dolci con un cucchiaino.

mica_2183597544

BUON APPETITO!!!!!!

Le leggende del Natale…

Ultimamente non si fa altro che parlare di politica, si prendono di mira sempre gli stessi personaggi, alcuni si ritengono superiori e campano deridendoli, invece di fare qualcosa per cambiare le cose e anche a Natale, invece di dedicarsi ai veri valori, alle cose belle, a coloro che avrebbero bisogno di un sorriso. Avete presente i volti dei bambini che spesso vediamo in TV, durante le campagne di volontariato e associazioni varie? Loro non piangono mai, eppure non hanno niente…non sanno cosa sia un computer, un cellulare, noi pensiamo solo alla crisi e a “scannarci”. Così in questo articolo ho pensato di proporvi delle storielle per tornare un po’ bambini, cercando di ritrovare i vecchi e sani valori e cercando di dare un senso a questi giorni…! 😉

LE PALLINE DELL’ALBERO

Un artista di strada molto povero si trovava per strada nei giorni seguenti alla nascita di Gesù bambino, voleva andarlo a trovare, ma essendo povero non aveva nessun dono da portargli, ma decise comunque di andarci. Una volta lì, gli venne un’idea: la cosa che gli riusciva fare meglio era il giocoliere, allora prese delle palline e fece ridere il piccolo bambino. Da quel giorno appendiamo le palline colorate all’albero di Natale per ricordarci delle sue risate :))

natale-fai-da-te-decorazione-palle-natalizie

LA STORIA DEL PRESEPE

Il primo vero presepe della storia fu creato nella Chiesa di santa Maria Maggiore a Roma. Questa usanza divenne così popolare che presto tante altre Chiese vi aderirono, ognuna creando un presepe particolare ed unico.  La natività era spesso ornata da oro, argento, gioielli e pietre preziose. Anche se era molto diffusa tra le classi ricche, quest’usanza era molto distante dal vero significato della nascita di Gesù. Dobbiamo il nostro presepe attuale a San Francesco D’Assisi, che nel 1224 decise di creare la prima vera natività com’era descritta nella Bibbia. Il Presepe che creò San Francesco nel paese di Greccio era formato da figure intagliate, paglia e animali veri. Il messaggio era diretto e poteva essere capito da tutti, ricchi e poveri. Questo presepe diventò così popolare da diffondersi in tutto il mondo. In Francia si chiama Crèche, in germania Krippe, in Spagna e America Latina Nacimiento, nella Repubblica Ceca Jeslicky, in Brasile Pesebre e in Costa Rica Portal.

presepe3

LA LEGGENDA DELL’ALBERO DI NATALE

In un remoto villaggio di campagna, la Vigilia di Natale, un bambino si recò nel bosco alla ricerca di un ceppo di quercia da bruciare nel camino, come voleva la tradizione, nella notte Santa.
Si attardò più del previsto e, sopraggiunta l’oscurità, non seppe ritrovare la strada per tornare a casa. Per giunta incominciò a cadere una fitta nevicata.
Il bimbo si sentì assalire dall’angoscia e pensò a come, nei mesi precedenti, aveva atteso quel Natale, che forse non avrebbe potuto festeggiare.
Nel bosco, ormai spoglio di foglie, vide un albero ancora verdeggiante e si riparò dalla neve sotto di esso: era un abete.
Sopraggiunta una grande stanchezza, il piccolo si addormentò raggomitolandosi ai piedi del tronco e l’albero, intenerito, abbassò i suoi rami fino a far loro toccare il suolo in modo da formare come una capanna che proteggesse dalla neve e dal freddo il bambino.
La mattina si svegliò, sentì in lontananza le voci degli abitanti del villaggio che si erano messi alla sua ricerca e, uscito dal suo ricovero, poté con grande gioia riabbracciare i suoi compaesani.
Solo allora tutti si accorsero del meraviglioso spettacolo che si presentava davanti ai loro occhi: la neve caduta nella notte, posandosi sui rami frondosi, che la piana aveva piegato fino a terra. Aveva formato dei festoni, delle decorazioni e dei cristalli che, alla luce del sole che stava sorgendo, sembravano luci sfavillanti, di uno splendore incomparabile.
In ricordo di quel fatto, l’abete venne adottato a simbolo del Natale e da allora in tutte le case viene addobbato ed illuminato, quasi per riprodurre lo spettacolo che gli abitanti del piccolo villaggio videro in quel lontano giorno.
Da quello stesso giorno gli abeti nelle foreste hanno mantenuto, inoltre, la caratteristica di avere i rami pendenti verso terra.

9145488-un-bellissimo-albero-di-natale-con-doni--isolata-on-white

LA RENNA RUDOLPH

Babbo natale viene rappresentato insieme ad una renna piuttosto particolare. La sua slitta viene trainata da nove renne di cui una dotata di un naso rosso. derisa dal resto del branco per questa stranezza fisica, si rivelò di grande aiuto per babbo Natale in una notte fredda e nebbiosa della Vigilia. Rudolph grazie al suo naso illuminò la strada e permise a babbo Natale di consegnare i regali a tutti i bambini.

15274650-rudolph-renna-naso-rosso-cappello-di-babbo-natale